Moda, a Milano il settore del fashion è maschio

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

In Lombardia il 62% delle imprese del settore moda è guidata da uomini, evidenziando quanto il design sia ancora un settore maschile. La concentrazione maggiore di imprese capitanate da signori uomini, con tre attività su quattro, si registra soprattutto a Cremona, Pavia, Varese e Como.

I numeri della moda

In occasione di Milano Moda Uomo, la kermesse di riferimento del settore, è stato fatto il punto su quanto  pesi la moda al maschile nelle imprese. Su 34 mila in Lombardia tra produzione, commercio e design oltre, 21 mila sono guidate da uomini, il 62% del totale, soprattutto nell’attività di design, tre su quattro (75%), e nella produzione, quasi due su tre (63,4%). Superano la media regionale Milano (66%), Varese e Como (65%). Nel design superano l’80% a Cremona e Pavia e nella produzione arrivano al 70% a Varese e Como.

Presenza femminile più forte nel commercio

Le cose cambiano un po’ nel settore commercio, dove si fa più forte la presenza femminile: in questo ambito le donne rappresentano il 43% e gli uomini il 57%, ma non a Milano dove le imprese al maschile sono comunque quasi due su tre (64%). Milano è in cima alla lista per numero complessivo di imprese, ben 13 mila, seguita da Brescia con quasi 4 mila, Bergamo e Varese con oltre 3 mila. Superano le 2 mila anche Como e Monza e Brianza. I dati sono il frutto di un’elaborazione della Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi su dati del registro delle imprese al terzo trimestre 2017 e 2016.

Moda italiana, quanto “pesa”?

Complessivamente, nel nostro Paese le imprese della moda sono ben 224 mila. Di queste, 34 mila sono in Lombardia, prima regione per il settore, seguita da Campania con 32 mila e Toscana con 28 mila. Tra le province domina Napoli con quasi 21 mila imprese, seguita da Roma con 15 mila e Milano con 13. Vengono poi Firenze, Prato, Bari e Torino. Dal canto suo, Milano eccelle nel design con quasi 2 mila attività specializzate. A livello nazionale, si conferma la predominanza di uomini al comando delle aziende del settore moda: il 58%.

Numeri d’oro per l’export lombardo

L’export lombardo di moda nel mondo vale 9,6 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2017, +4,3% rispetto all’anno precedente. Con quasi 5 miliardi di valore solo nei primi nove mesi (+9% sul 2016), Milano resta leader in Lombardia e in Italia per export. In Lombardia seguono poi Como con 1,1 miliardi, Bergamo con quasi 765 milioni (+6%), Varese con 683 milioni (+2,1%) e Mantova con 633 milioni. In crescita anche Brescia (+2,4%) e Cremona (+5,4%). Stabili Monza Brianza e Lodi. Francia, Stati Uniti e Hong Kong si confermano i principali mercati clienti per l’export lombardo.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Case e negozi “tartassati” dal fisco

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

“Ma quanto mi costi…” recitava una pubblicità di qualche anno fa. La definizione, o meglio il lamento, è quanto mai corretto se si parla di case, negozi, uffici, capannoni. Già, perché sulle spalle del patrimonio immobiliare italiano grava un carico fiscale immenso. Solo nel 2016, ultimo dato disponibile, il peso delle tasse sugli immobili è stato di 40,2 miliardi di euro.

Eppure la pressione fiscale scende

Anche se la cifra sembra impressionante, rispetto al 2015 è scesa di qualche punto. Sull’anno precedente il gettito è infatti calato di 3,7 miliardi. Un calo reso possibile soprattutto grazie all’eliminazione della Tasi sulla prima casa. I conti sono stati effettuati dall’Ufficio studi della Cgia,  che ha fatto un vero e proprio calcolo matematico sommando i 9,1 miliardi di euro di gettito riconducibili alla redditività degli immobili (Irpef, Ires, imposta di registro/bollo e cedolare secca), i 9,9 miliardi riferiti al trasferimento degli immobili (Iva, imposta di registro/bollo, imposta ipotecaria/catastale, imposta sulle successioni e sulle donazioni) e i 21,2 miliardi di euro riconducibili al possesso dell’immobile (Imu, imposta di scopo e Tasi).

Poche sorprese per i mesi che verranno

Nel bene e nel male, nei prossimi mesi non dovrebbero esserci variazioni sostanziali. Per quanto riguarda le tasse legate alla proprietà di immobili, il Governo ha messo lo stop all’aumento di tasse locali, come la Tasi o l’Imu. Un provvedimento valido sia per il 2017 sia per il 2018. Spiega il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo: “Fino a qualche anno fa l’acquisto di abitazione o di immobile strumentale costituiva un investimento. Ora, in particolar modo chi possiede una seconda casa o un capannone, sta vivendo un incubo. Tra Imu, Tasi e Tari, ad esempio, questi edifici sono sottoposti ad un carico fiscale ormai insopportabile”.

Tra i più tartassati d’Europa

Mentre chi possiede solo una prima casa ha decisamente beneficiato dall’addio della Tasi, non altrettanto si può dire per i proprietari  di  immobili strumentali. In questo secondo caso, il passaggio dall’Ici all’Imu ha visto raddoppiare il prelievo fiscale. La preoccupazione dei proprietari di seconde o terze case e di immobili ad uso economico non riguarda solo l’eccessivo prelievo fiscale, ma anche la difficoltà nel pagare le tasse. “I contribuenti italiani devono sopportare anche un costo aggiuntivo legato alla burocrazia che attanaglia queste operazioni. Secondo una nostra analisi su dati della Banca Mondiale, per pagare le tasse in Italia sono necessarie 238 ore all’anno. Nell’area dell’euro solo il Portogallo e la Slovenia registrano una situazione peggiore della nostra” aggiunge il segretario Cgia, Renato Mason.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Riscaldamento, dall’Enea le regole per stare al caldo e risparmiare

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Il freddo è arrivato e praticamente in quasi tutti gli 8 mila comuni italiani i caloriferi sono stati messi in funzione. Però per stare al caldino, specie se ci si trova nella cosiddetta zona climatica E o F- quella che comprende le grandi città del Nord come Milano, Torino, Venezia e le aree di montagna – conviene seguire il decalogo messo a disposizione dall’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. Una sorta di manuale pratico per evitare sprechi e non incorrere in sanzioni per un uso scorretto del riscaldamento.

Effettuare la manutenzione degli impianti

Questa è la regola più importante, sia per la sicurezza sia per non incorrere in indesiderate multe. Chi non effettua la manutenzione del proprio impianto rischia sanzioni a partire da 500 euro.

Controllare la temperatura

Ambienti troppo caldi fanno male alla salute, oltreché al portafoglio. Sebbene la normativa attuale consenta di mettere il termostato fino a 22 gradi, anche 19 gradi sono sufficienti per l’ambiente di casa. Farà sicuramente bene al budget familiare ricordarsi che per ogni grado abbassato anche la bolletta scende tra il 5 e il 10%.

Ogni zona ha le sue ore

Le ore massime di accensione giornaliera sono indicate per legge e variano a seconda delle sei diverse zone climatiche in cui è suddivisa l’Italia. Ad esempio per i comuni in fascia ‘E’, quelli al Nord, è consentito fino a un massimo di 14 ore.

Pannelli riflettenti tra muro e termosifone.

Installando questi pannelli, si riduce con semplicità la dispersione di calore.

Schermare le finestre durante la notte

Bisogna ricordarsi, per la notte, di chiudere bene tapparelle e persiane. In alternativa, le finestre vanno schermate con delle tende pesanti. Il caldo non uscirà, il freddo non entrerà.

Check-up allo stabile

L’isolamento termico su pareti e finestre dell’edificio è un aspetto da non trascurare: se la costruzione è stata completata prima del 2008, probabilmente non rispetta le attuali normative sul contenimento dei consumi energetici e conviene valutare un intervento per isolare le pareti e sostituire le finestre. Con i nuovi modelli che disperdono meno calore il beneficio può essere doppio: si riducono i consumi di energia fino al 20% e si può usufruire degli ecobonus, la detrazione fiscale del 65%.

Via libera a impianti innovativi

Sono convenienti ed efficienti le nuove caldaie a condensazione o a biomasse, le pompe di calore, o con impianti integrati dove la caldaia è alimentata con acqua preriscaldata da un impianto solare termico e/o da una pompa di calore alimentata con un impianto fotovoltaico.Per chi ammoderna gli impianti sono previste detrazioni fiscali.

Termosifoni in libertà

Davanti ai termosifoni non andrebbero posizionati mobili e addirittura neanche la biancheria stesa. E’ un’inutile dispersione di calore.

Cronotermostati

L’installazione di questi dispositivi elettronici consente di regolare temperatura e tempo di accensione in modo da mantenere l’impianto in funzione solo quando si è in casa.

Valvole termostatiche

Regolano il flusso dell’acqua calda nei termosifoni, consentendo di mantenere costante la temperatura impostata e di concentrare il calore negli ambienti più frequentati. Inoltre, permettono di evitare sprechi: la bolletta può scendere fino al 20%.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Disoccupazione: in calo nel secondo trimestre del 2017

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Si inizia a intravvedere qualche buona notizia in merito al mercato del lavoro italiano, specie per le persone fino a 24 anni. In base ai dati diffusi dall’Istat, nel secondo trimestre del 2017 il tasso di disoccupazione tra i giovani in età compresa tra i 15 e i 24 anni è sceso dell’1,3%. Il dato trimestrale è stato pari a 34,2%.

Dopo tre trimestri “duri”, occupazione in crescita

Dopo tre trimestri che hanno registrato aumenti, il numero di disoccupati inizia a scendere nel secondo trimestre dell’anno. La stima relative a persone senza occupazione si abbassa a 2 milioni 839mila unità (-154mila in un anno, -5,1%). Il tasso di disoccupazione del trimestre cala di 0,6 punti, attestandosi quindi al 10,9%. E’ il minimo dal 2012. Tale diminuzione riguarda sia gli uomini sia le donne, senza distinzioni, però si riferisce quasi esclusivamente alle aree del Centro Nord. Ancora, coinvolge principalmente le persone con meno di 50 anni di età e, come avere l’Istituto di Statistica, si riferisce in larga parte agli ex occupati, ossia tra chi aveva un’occupazione.

Crescono in particolare i dipendenti a termine

Come riporta l’agenzia di stampa AdnKronos, nel secondo trimestre del 2017 l’occupazione presenta una nuova crescita congiunturale (+78mila, +0,3%) dovuta all’ulteriore aumento dei dipendenti (+149mila, +0,9%), in oltre otto casi su dieci a termine (+123mila, +4,8%). Continuano invece a calare gli indipendenti (-71mila, -1,3%). Su base tendenziale, nel secondo trimestre del 2017 si stima una crescita di 153mila occupati (+0,7%) che riguarda soltanto i dipendenti (+356mila, +2,1%), oltre tre quarti dei quali a termine, a fronte della rilevante diminuzione degli indipendenti (-3,6%).

Bene l’occupazione femminile

In particolare, si registrano segnali positivi per l’occupazione femminile. Nel secondo trimestre del 2017, il tasso di occupazione delle donne è salito al 49,1% sulla base dei dati grezzi Istat (+0,6 punti in un anno). Nonostante questa buona notizia, “la situazione occupazionale delle donne nel nostro Paese è tra le peggiori dell’Ue”, avverte il rapporto dell’Istat. Il nostro paese, per questa voce, è infatti penultima tra i paesi Ue28, “con un divario di 13,2 punti rispetto alla media, seguita soltanto dalla Grecia” aggiunge ancora l’Istituto di Statistica.

Un trend che regge

Anche gli ultimi dati mensili, riferiti nello specifico a luglio 2017, segnalano al netto della stagionalità un aumento degli occupati (+0,3% rispetto a giugno, pari a +59mila unità). Una crescita che si riferisce sia ai dipendenti sia agli indipendenti.

Il commento di Gentiloni

Su Twitter, il premier Paolo Gentiloni ha voluto commentare questi dati: “”Disoccupazione ai minimi dal 2012. Buoni risultati da jobs act e ripresa. Ancora molto da fare su lavoro ma tendenza incoraggiante”.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Ferrino, l’avventura nel DNA

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Un’azienda italiana di cui andare orgogliosi è senza dubbio Ferrino s.p.a., impresa familiare ricca di storia nel settore del tempo libero e dell’outdoor. Fondata a Torino nel 1870, cioè prima della Fiat, ebbe impulso a seguito della scoperta compiuta da Cesare Ferrino, che lavorava nell’ambito delle vernici e riuscì a creare un tessuto impermeabile. Fin da inizio secolo, dunque, le tende Ferrino furono adoperate per spedizioni in condizioni estreme, come quelle condotte alle Terre del Fuoco da Alberto Maria De Agostini, nel 1937. Durante la seconda Guerra Mondiale, a Ferrino furono richieste tende militari e  capote impermeabili per i veicoli dell’esercito, tanto che la fabbrica dell’azienda fu considerata bersaglio strategico e bombardata.

Ma è con il boom economico che si approfondisce l’offerta nel mercato outdoor. Ferrino amplia la sua vocazione all’avventura, alla tecnica e alla qualità sostenendo le spedizioni di Reinhold Messner, Borge Ousland, Ambrogio Fogar e Carla Perrotti sulle montagne più alte del mondo e nei luoghi più inospitali della terra, dando un assaggio delle prestazioni dei tessuti impermeabili a -50 gradi. Non si tratta di semplici sponsorizzazioni: Messner sviluppa attrezzature leggere nelle gallerie del vento dei carrozzieri italiani, e insieme a Ferrino progetta e sviluppa articoli tecnici che dopo le spedizioni ha un seguito produttivo.

Con questo dna fortemente connesso alla sfida estrema e all’avventura, Ferrino diventa un piccolo campione del made in Italy, con circa 15 milioni di fatturato annuo, oltre 50 dipendenti e un livello di esportazioni pari al 50% del totale, di cui il 33% venduto nei paesi dell’arco alpino: Austria, Germania e Svizzera. L’offerta si è gradualmente spostata dal Business to Business, con molte operazioni legate alla vittoria di commesse pubbliche, al Business to Consumer, e oggi i clienti si rivolgono a Ferrino per le tende da campeggio, le racchette da neve, gli zaini, i sacchi a pelo, e la linea di abbigliamento tecnico. E visto che si è sempre ritrovata al fianco degli esploratori negli angoli più remoti del pianeta, oggi Ferrino non può che guardare con interesse ai mercati lontani, soprattutto quelli orientali.

L’azienda piemontese, che oggi vanta due stabilimenti nella provincia di Torino, punta decisamente alla penetrazione del mercato coreano; dovendo sfidare oltre 100 brand già presenti in questo competitivo mercato, Ferrino si è prima fatta conoscere sui social network, dove ha sviluppato un altissimo livello di curiosità ed engagement. Contestualmente si è dedicata a perfezionare il canale e-commerce, dal quale transitano il 20% delle sue vendite globali. In Corea, tuttavia, non si può rinunciare al negozio fisico, con una ventina di punti vendita sparsi nella a Seoul, capitale da 10 milioni di abitanti.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Animali e stagione calda, proteggiamoli così

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La stagione più bella dell’anno, l’estate, non è priva di insidie anche per i nostri amici animali. Esattamente come per i bambini, anche i nostri compagni a quattro zampe necessitano di qualche attenzione in più quando le temperature si alzano. L’eccesso di caldo, infatti, può mettere a repentaglio la salute di cani e gatti: se associato a un alto tasso di umidità, in particolare, potrebbe causare guai seri al loro benessere. Infatti cani, gatti, piccoli animali d’affezione e uccelli non sudano, a differenza degli umani: la loro termoregolazione avviene mediante piccoli e frequenti atti respiratori, capaci di disperdere il calore. Gli esemplari più esposti a colpi di calore, esattamente come avviene con le persone, sono quelli più delicati: cuccioli, anziani, cani e gatti obesi o con patologie cardiocircolatorie o dell’apparato respiratorio.

Conta anche il colore

Il mantello dei nostri amici pelosi ha un’importante funzione di protezione, ma determina anche alcune criticità. Come avverte il Ministero della Salute, infatti, a ogni colore corrisponde un particolare rischio:

1 Gli animali a mantello nero sono a rischio perché il colore scuro aumenta l’assorbimento dei raggi solari. 
2 Gli animali a mantello e cute bianchi sono particolarmente sensibili ai raggi solari, specialmente nella zona della testa, occhi, orecchie e muso. 
3 Gli animali tosati sono particolarmente a rischio poiché viene a mancare loro la protezione del pelo

Cuccioli, le regole da seguire per la loro salute

Oltre ad amarli e a trattarli sempre con le dovute cure, quando le temperature si alzano occorre mettere in atto alcune importanti strategie per preservarne il benessere.

1 Non lasciate gli animali in auto, non è sufficiente lasciare i finestrini un poco aperti e neanche parcheggiare all’ombra, perché l’abitacolo del veicolo si riscalda rapidamente

2 Non lasciate gli animali legati in luoghi esposti alla luce solare diretta

3 Assicuratevi che abbiano sempre a disposizione acqua fresca, soprattutto dopo l’esercizio fisico

4 Evitate di portarli a spasso nelle ore più calde della giornata

5 Valutate la possibilità di portare i cani in spiaggia solo se sussistono condizioni favorevoli.

Come fare in caso di colpo di calore

Nel caso abbiate il dubbio che il vostro cane o il vostro gatto sia sofferente per un possibile colpo di calore, potete attuare alcune mosse per farlo stare meglio, prima di portarlo dal veterinario appena possibile:

1 Spostatelo velocemente in un luogo fresco e ventilato
2 Cercate di abbassare la temperatura attraverso impacchi di acqua fresca, con docce o pezzuole bagnate da applicare soprattutto sul collo e sulla testa. Non usate il ghiaccio
3 Consultate il veterinario e comunque tenete sotto osservazione il vostro amico per 24-48 ore.

Con queste poche accortezze, sarà una bellissima estate per tutti.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Medico del lavoro e tutela dei dipendenti

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La tutela della salute dei lavoratori è una necessità ed obbligo morale che deve essere in cima ai doveri di qualsiasi azienda. Qualsiasi datore di lavoro deve necessariamente accertarsi che le mansioni cui i propri dipendenti sono chiamati non siano logoranti per il fisico o in qualche modo pericolose per la salute. Alla stessa maniera, alcuni dipendenti possono manifestare determinate sintomatologie (o patologie a tutti gli effetti) tali da rendere incompatibile la salute del lavoratore e le mansioni assegnategli. Proprio per questo motivo la legge prevede che all’interno di ogni azienda vi sia un medico del lavoro a sincerarsi e a farsi carico di tutti questi aspetti. Un medico del lavoro deve infatti visitare uno per uno i dipendenti di una determinata azienda, e preparare per ciascuno una cartella sanitaria che evidenzi le eventuali patologie riscontrate. Non è raro infatti, che un lavoratore venga chiamato a svolgere un incarico che va invece ad aggravare una patologia già esistente, ed è compito del medico del lavoro porre fine a questa inutile esposizione al rischio.

Nel caso in cui non vengano rilevati problemi di alcun tipo nella salute del lavoratore, e nella mansione che questi è chiamato a svolgere, il medico del lavoro andrà ad assegnare l’idoneità lavorativa. È per forza di cose un ruolo molto delicato ed è bene cercare di capire rapidamente se la propria azienda sia o meno chiamata a servirsi di un medico del lavoro. Area 81 è un’azienda con grande esperienza circa la consulenza sulla sicurezza sul lavoro e fornisce medici del lavoro che possono effettuare visite mediche ai lavoratori di qualsiasi azienda, e che si occupano anche di partecipare nelle operazioni di valutazione dei rischi presenti nella sede in cui viene svolta l’attività lavorativa. È la soluzione di cui hai bisogno per metterti perfettamente in linea con quanto previsto dalla normativa vigente e prenderti finalmente cura della salute dei tuoi dipendenti.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Pedrazzini Arreda | Cucine a Milano

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La cucina è uno degli ambienti più importanti di casa: a tavola ci si confronta, si sperimentano piatti nuovi, si fanno accomodare gli ospiti e si studiano nuove ricette. È probabilmente la zona della casa in cui trascorriamo la maggior parte del nostro tempo ed è per questo che teniamo così tanto al suo design, alla perfezione delle forme, dei colori nell’insieme ma soprattutto alla sua funzionalità. Rinnovare la cucina è un must per chi si rende conto di averne una non in grado di comunicare qualcosa di noi a chi viene a farci visita, magari anche poco pratica e ormai poco fruibile. La soluzione più adatta per una cucina bella da vivere e assolutamente personalizzabile è Pedrazzini Arreda, azienda che da 60 anni si occupa della vendita cucine Milano  ed è esclusivista di zona dei marchi Veneta Cucine e Arredo 3. Questa importante realtà del territorio offre una vasta selezione di modelli tra i quali poter scegliere, sia moderni che classici, e da visionare personalmente nello showroom recentemente rinnovato.

Tutte le cucine Pedrazzini Arreda sono personalizzabili a piacimento, in base al proprio gusto o abitudini. Sia i piani di lavoro dunque, così come le ante e gli elettrodomestici possono essere scelti sulla base delle preferenze individuali, per una cucina che sarà veramente personalizzata e quindi in grado di raccontare agli ospiti qualcosa di noi. Gli interior designer saranno in grado di mostrarvi una fedele anteprima della vostra nuova cucina, così come sarà all’interno di casa vostra, grazie ai più moderni programmi di progettazione tridimensionale. Sarete seguiti infine durante l’arco dell’intero processo realizzativo della vostra nuova cucina: dalle fasi di progetto a quella di assistenza alle imprese che si occuperanno di eventuali ristrutturazioni dei locali, dal trasporto al montaggio che sarà operato da montatori e falegnami con grande esperienza nel settore. Non ti rimane che visitare il nostro showroom sito in Via Leone Tolstoi 81 a San Giuliano Milanese , Milano.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

New Team | Il Tuo Evento Aziendale

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Il momento in cui incontri il tuo pubblico è forse il più importante in assoluto nell’ambito del tuo business, ed è importante pianificare e curare con particolare ogni aspetto sin dall’inizio. Fare una buona impressione, infondere un senso di organizzazione ed affidabilità nei tuoi clienti o in coloro che domani potrebbero diventarlo, è già un primo passo verso una strategia di comunicazione efficace e vincente. Organizzare un evento aziendale non sempre è semplice, specie quando si ha piena coscienza dell’importanza che l’incontrare il pubblico di riferimento può avere per il nostro business.

E’ per questo che è bene affidarsi ad una agenzia con esperienza nel settore, se si vogliono raggiungere gli obiettivi prefissati. New Team Eventi è l’agenzia comunicazione Milano che può organizzare per te l’evento di spessore che hai intenzione di creare, consentendoti di raggiungere ogni obiettivo in maniera concreta ed efficace. Dopo aver individuato gli obiettivi per il quale hai deciso di organizzare il tuo evento aziendale, e dopo aver gettato le basi dello stesso individuando l’idea giusta, sarà il momento di stabilire la location più adatta ad accogliere il tuo pubblico.

Il luogo in cui avverrà l’evento, ed i servizi correlati quali catering, impianti audio e video, servizi fotografici, di traduzione, hostess e intrattenimento, concorrono a conferire agli invitati quell’immagine di grande organizzazione e cura per i dettagli che desideri dare della tua azienda. L’evento sarà corredato da una efficace campagna comunicativa (dagli inviti alla segnaletica) che conferiranno una precisa identità al tuo evento, così da renderlo facilmente riconoscibile. Al termine dell’evento, New Team Eventi ne analizzerà i risultati verificando che gli obiettivi prefissati siano stati raggiunti, così da poter stabilire i seguenti passi della tua efficace strategia comunicativa. Puoi contattare New Team Eventi al recapito telefonico 0396260808 per ogni tipo di informazione o richiesta.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn