Italia, prima in Europa nel design con 34mila imprese

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

L’Italia e il design sono un binomio indissolubile, da sempre. Confermato anche dai numeri: nel nostro paese ci sono quasi 34mila imprese del settore, che collocano lo Stivale saldamente al primo posto della classifica del design europeo. Un peso pari al 15,5% che ci mette sul podio, davanti a Germania e Francia. I dati sono emersi dal report “Design Economy 2020”, realizzato da Fondazione Symbola, Deloitte Private e POLI.design, da quest’anno con il supporto di Adi, Cuid e Comieco e il patrocinio del ministero degli Affari esteri. Complessivamente, il comparto in Italia dà lavoro a 64.551 persone con un valore aggiunto superiore a 3 miliardi di euro.

Vendite sul podio, ma sul terzo gradino

Eppure, nonostante questi numeri, Germania e Regno Unito segnano un livello di occupazione e un volume d’affari superiori a quelli italiani. La nostra “colpa”? Probabilmente la grande frammentazione della struttura imprenditoriale nazionale. Quest’ultimo fattore spiega come mai il complesso dei Paesi UE registra un volume di vendite pari a 27,5 miliardi di euro, e l’Italia ne alimenta da sola il 14,8%, in terza posizione dietro al Regno Unito (24,5%) e alla Germania (16,4%), ma largamente davanti a Francia (9,2%) e Spagna (4,6%). I settori industriali italiani che fanno maggiore ricorso al design sono: legno arredo, abbigliamento e automotive. Per quanto riguarda la dimensione delle imprese del comparto, si tratta in gran parte di piccole realtà: liberi professionisti e microimprese (meno di 100mila euro di fatturato) incidono ancora per oltre la metà dell’occupazione (53,4%), mentre le imprese con fatturato superiore a 5 milioni di euro hanno un’incidenza occupazionale dell’8,4%.

Milano capitale del Design

La principale capitale del design italiano è Milano: il capoluogo lombardo è capace di concentrare il 18,3% dell’output totale del settore sul territorio nazionale, mentre Torino e Roma, rispettivamente seconda e terza, incidono per l’8,0% e per il 5,3%. Anche sul fronte occupazione Milano conta circa il 14% del totale degli addetti. Il primato di Milano non è casuale: qui hanno sede due delle più importanti collezioni del design al mondo, quella della Triennale di Milano e quella del Museo del Compasso d’oro promosso dall’ADI, che verrà inaugurata entro il 2020. Milano è anche sede dal 1961 del Salone del Mobile e del Fuorisalone, una delle più grandi manifestazioni al mondo dedicate al design. In seconda posizione figura Torino, che nel 2014 ha ricevuto dall’Unesco la nomina di Città creativa per il Design e che ospita grandi nomi del design dell’automobile, mentre cresce l’interesse di Roma soprattutto per quanto riguarda la moda.

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin